Caricamento in corso

Dinamismo di un cane al guinzaglio (Dinamismo di un cane su un guinzaglio)

Giacomo Balla1912

Albright-Knox Art Gallery

Albright-Knox Art Gallery

Nel 1910 Giacomo Balla e quattro artisti italiani Umberto Boccioni (1882-1916), Carlo Carrà (1881-1966), Luigi Russolo (1885-1947) e Gino Severini (1883-1966), hanno scritto La Pittura futurista: Manifesto tecnico (Il Manifesto Tecnico dei Pittori Futuristi). In questo documento hanno rifiutato l'arte precedente come prosaica. Un principio fondamentale della loro filosofia era che l'espressione creativa dovesse rappresentare il dinamismo dell'Europa Industriale del primo secolo del XX secolo. Essi hanno dichiarato: "Tutte le cose muovono, tutte le cose corrono, tutte le cose stanno rapidamente cambiando. . . . gli oggetti in movimento continuamente si moltiplicano. . . un cavallo in esecuzione non ha quattro zampe, ma venti ". Questo sentimento si riflette sia nel titolo che nella composizione di" Dynamismo di un cane al guinzaglio "(Bilancia di un cane in un guinzaglio)." Balla ha dipinto questo divertente studio di una scivolata bassotto e gli step staccato del suo proprietario nel maggio 1912 mentre visitava uno dei suoi studenti, la Contessa Nerazzini, a Montepulciano, vicino a Siena. Lo sfondo vivace, con le sue vibranti e contrastanti striature di rosa e verde, si dice che rappresenti la polvere bianca della campagna toscana che scintilli sotto il luminoso sole estivo. I piedi della donna, il guinzaglio e il corpo del cane dal naso alla coda sono tutti sfuocati e ripetuti. Per migliorare l'impressione della velocità, Balla ha dipinto il suolo usando linee diagonali e ha messo la sua firma e la data ad un angolo dinamico. Questo gesto ritmico si estende anche alla cornice, che contiene e continua la composizione.

Mostra menoUlteriori informazioni

Contenuti consigliati

Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo