Caricamento in corso

Le Vie dell'Amicizia: Ravenna-Redipuglia

Ravenna Festival

Ravenna Festival

“Milleduecento gradini che paiono molti di più, un milione, o seicentomila come il computo dei morti, e tutti parlanti, e tutti che gridano una sola parola che risuona come il tuono lontano di una preparazione di artiglieria: Presente”. Nella cruda e onirica visione di Guido Ceronetti, la scalinata di Redipuglia si fa voce, si fa urlo, monito lanciato attraverso il tempo e la storia. E nel centenario della Grande Guerra, le Vie dell’Amicizia, tracciate per anni nel mondo a confortare popoli segnati dalla guerra e lacerati dalla follia del male, non potevano che approdare lì, ai piedi di quel monumento al dolore e alla memoria: chiamando simbolicamente a raccolta i musicisti delle nazioni protagoniste di quel massacro, unite nell’inno al futuro che scaturisce dall’abbraccio pacificatore della musica. Nella Messa da Requiem quella morte che attraversa tutta l’opera di Verdi assume i contorni di una drammaticità cristallizzata, capace di oltrepassare i confini della singola fede per rivolgersi all’Uomo. Nella tesa interpretazione di Riccardo Muti, una meditazione che si nutre di una spiritualità che proprio nell’uomo, nel suo ineluttabile destino ma anche nella consapevolezza delle sue forze, intravede la possibilità di una consolazione.

Mostra menoUlteriori informazioni
  • Titolo: Le Vie dell'Amicizia: Ravenna-Redipuglia
  • Data di creazione: 2014
  • Sede: Redipuglia, Italia

Elementi aggiuntivi

Contenuti consigliati

Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo