Caricamento in corso

Madonna della Vittoria

1496

Mantova Museo Urbano Diffuso

Mantova Museo Urbano Diffuso

La chiesa di Santa Maria della Vittoria in Via Fernelli a Mantova è una piccola costruzione di epoca rinascimentale, che presenta tuttavia ancora elementi gotici. La sua storia è complessa e quasi romanzesca. Qui si trovava un capolavoro di Andrea Mantegna. Qui sono riunite le testimonianze di una fede popolare, il desiderio di un principe di offrire pubblico ringraziamento alla Vergine, tracce di importanti decorazioni pittoriche, esiti del rapporto tra la Corte di Mantova e la comunità ebraica locale.
Infatti, il banchiere ebreo Daniele Norsa fu costretto a demolire la propria casa per far posto alla chiesa. Questo avvenne in conseguenza dell’odio a lui rivolto dalla popolazione, la quale riteneva che egli avesse voluto togliere un’immagine sacra dalla parete esterna della medesima casa in spregio della religione cattolica. In realtà, il banchiere non aveva voluto colpire il culto cristiano, poiché aveva ottenuto regolare consenso dalle autorità. Eppure, come documenta un quadro oggi conservato nella Cattedrale di Sant’Andrea, la gente mantovana si accanì in modo indegno contro gli ebrei del luogo.
Fu il frate eremitano Gerolamo Redini a consigliare di erigere questa chiesa votiva proprio sulle proprietà del Norsa. Così, il ringraziamento di Francesco Gonzaga rivolto alla Madonna per aver protetto la sua vita durante la battaglia di Fornovo si trasformò in un luogo concreto, fatto di mattoni, intonaco e colori.

Mostra menoUlteriori informazioni
  • Titolo: Madonna della Vittoria
  • Data di creazione: 1496

Contenuti consigliati

Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo