Caricamento in corso

San Pietro che resuscita Tabita

Fabrizio Santafede1611

Pio Monte della Misericordia

Pio Monte della Misericordia

Il dipinto narra l’episodio in cui l’Apostolo Pietro resuscita la caritatevole donna, e allude alle opere di dar da mangiare agli affamati, dar da bere agli assetati e vestire gli ignudi,concetti inseriti nello Statuto del Pio Monte della Misericordi, e compendiati nell’unica voce di soccorrere i poveri vergognosi.

Santafede, principale esponente dell’arte tardo manieristica a Napoli, caratterizzata dalla presenza della tradizione disegnativa fiorentina cinquecentesca fusa nel colorismo veneto, è tra i maggiori pittori attivi a Napoli tra la fine del ‘500 e l’inizio del ‘600. L’inusuale affollamento della scena, con la donna circondata da chi aveva ricevuto del bene,alcuni tagli di luce fortemente accentuati, e soprattutto la raffigurazione del nudo di spalle, fanno pensare, tuttavia, ad una meditazione caravaggesca, raggiungendo, però, come consono al suo stile, toni comunicativi mai scomposti.

Mostra menoUlteriori informazioni

Contenuti consigliati

Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo