Caricamento in corso

E’ una specie tipica delle pietraie; vegeta in questi ambienti dal livello del mare alle zone montane.Il nome generico Thymus deriva dal greco thymós, che designava il principio della vitalità, il respiro. I Greci credevano che la pianta si fosse originata dalle lacrime di Arianna, per l'abbandono dell'amato Teseo. Il pianto 'profumato' attrasse però le attenzioni di Dioniso che la prese subito in sposa. Il timo era usato nei riti sacrificali per il suo fumo dalle proprietà disinfettanti. Lo scrittore e filosofo Apuleio gli riconosceva spiccate proprietà antidolorifiche, come scrisse nel 148 a.C. nel suo Herbarium. Sia Plinio che Virgilio ne parlano invece come pianta da bruciare per scacciare gli animali velenosi dai campi e dalle case. Da sempre rappresenta la diligenza, l'operosità, l'amore duraturo. Questo è legato al fatto che il timo è strettamente legato alla api, dalle quali è ricercatissimo, come già descritto nell'Eneide.

Mostra menoUlteriori informazioni

Dettagli

  • Titolo: Timo
  • Sede: Agrigento, Italia, 37.290879,13.585206
  • Diritti: Archivio fotografico del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi

Contenuti consigliati

Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo