Caricamento in corso

violino Antonio Stradivari 1679 "Hellier" - fronte

Antonio Stradivari

Museo del Violino

Museo del Violino

Costruito due soli anni dopo il violino Le lever du soleil, l’Hellier, pur mostrando il medesimo apparato decorativo e la stessa straordinaria qualità dei materiali, si differenzia per l’utilizzo di una forma, per la sua costruzione, di dimensioni maggiori. Simone Fernando Sacconi, uno dei massimi esperti degli strumenti di Stradivari del secolo scorso, definì l’Hellier “il più prezioso violino intarsiato di Stradivari”. Se consideriamo i dieci strumenti decorati conosciuti è possibile redigere una classificazione in base alla tecnica utilizzata per l’ornato della testa e delle fasce, poiché Stradivari segue sempre lo stesso procedimento per il decoro della tavola e del fondo, dove una sequenza alternata di cerchi e rombi in avorio è inserita fra due filetti e bloccata con mastice nero, probabilmente ottenuto miscelando stucco di ebano e colla. Le decorazioni di fasce e testa sono dipinte con vernice per la viola e il violoncello oggi custoditi nel palazzo reale di Madrid e per il violino Rode del 1722, mentre per gli altri strumenti – quindi, oltre che per il violino del 1677, per l’Hellier, il Cipriani Potter, l’Ole Bull, i due violini del quartetto spagnolo e il Greffuhle – sono ottenute con
la tecnica dell’intarsio a buio. Grazie all’utilizzo di cartoni, sui quali il disegno era tracciato da una serie di piccolissimi fori, si provvedeva a trasferire il motivo decorativo sul legno; la sequenza di fori così realizzata veniva spolverata con polvere di grafite. In seguito, dopo aver unito con linee i vari punti, con strumenti da taglio si effettuava lo scavo poi riempito con mastice nero. Girali fitomorfiche, fiori, boccioli e animali caratterizzano le decorazioni di questi strumenti e nel caso dei nostri due violini è possibile scoprire fra petali e foglie un piccolo serpente.
Presso il museo di Cremona sono conservati sia prove stampa che modelli in cartone impiegati per la realizzazione degli strumenti intarsiati. Il violino deve il suo appellativo al primo fortunato proprietario. Si narra, infatti, che Sir Samuel Hellier, naturalmente di origini anglosassoni, abbia acquistato lo strumento direttamente da Antonio Stradivari nel 1734.

ETICHETTA
Antonins Stradiuarius Cremonensis / Faciebat Anno 1679
Il cartiglio dell’Hellier presenta, come riscontrato sul Sunrise, il nome Antonius erroneamente stampato Antonins.

CERTIFICATI
W. E. Hill & Sons, Londra, 21 gennaio, 1957
Rembert Wurlitzer, New York, 18 gennaio 1957
Machold Rare Violins, Brema, Zurigo, New York, Vienna, 27 aprile 1998
In prestito dalla Collezione del Dr. Herbert R. e di Evelyn Axelrod

Mostra menoUlteriori informazioni

Dettagli

  • Titolo: violino Antonio Stradivari 1679 "Hellier" - fronte
  • Creatore: Antonio Stradivari
  • Sede: Cremona
  • Violinmaker Death date: 1737
  • Violinmaker Birth date: 1644c.

Elementi aggiuntivi

Contenuti consigliati

Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo