The National Gallery, Londra

Esposizione Universale
Nel 1867, milioni di persone arrivarono a Parigi per l'Esposizione Universale. Tra loro c'era Monet, al tempo un giovane artista. La fiera era una vetrina delle più nuove forme d'arte, tecnologia e industria da tutto il mondo, mostrando Parigi come moderna metropoli.

Ispirato dalla fiera, Monet cercò soggetti urbani da dipingere. Le sue vedute di città di questo periodo mostrano un artista attento alla vita moderna.

Quello stesso anno, Monet dipinse la Chiesa di Saint Germain l'Auxerrois dal balcone del Louvre. Piuttosto che studiare l'arte in un museo, Monet guarda le persone nella piazza di fronte alla chiesa.
Le sue veloci pennellate e le ombre ritmate degli alberi danno un senso di movimento e vitalità, in contrasto con le antiche pietre della chiesa.

La vista che Monet ha dipinto non è cambiata molto, come si può vedere in questa ripresa Street View.

La Stazione di St Lazare
Qualche anno dopo, nel 1877, Monet dipinse una dozzina di tele della Stazione di St Lazare in centro a Parigi. Egli era così intento a dipingere la stazione che affittò uno studio lì vicino. Potete ammirare tre di quei dipinti qui, ognuno dei quali focalizzato sui treni in arrivo alla stazione.

Monet scelse coscientemente un soggetto moderno, nonostante i treni fossero apparsi in altri dipinti prima di questi, non erano solitamente il soggetto principale in quanto considerati non pittoreschi.

In questa veduta della stazione, Monet gioca cone le convenzioni del paesaggio, con il tetto in contrasto con il cielo e il vapore generato dalle macchine che crea forme irregolari laddove ci si potrebbero aspettare alberi.

Ecco come la stazione di St Lazare a Parigi si presenta oggi.

Trasferimento in periferia
Monet e la sua famiglia si stabilirono nella periferia di Argenteuil nel 1871. A nordest dal centro di Parigi, il quartiere era collegato alla capitale da una strada e dalla ferrovia che terminava alla stazione di St Lazare. Argenteuil era un luogo in costante transizione, la sua popolazione era raddoppiata in due decadi prima dell'arrivo di Monet.

Negli anni in cui visse in questo vivace ambiente in via di sviluppo, Monet tese a dipingere motivi moderni, come ponti affollati o ville della classe media, camini, oggetti in ferro e fabbriche di mattoni.

Monet usava la sua fascinazione da pittore di paesaggio con la varietà del clima in costante cambiamento, per rendere più interessanti le vedute suburbane di Argenteuil.

Qui, cattura le barche sulla Senna che attiravano i turisti ad Argenteuil nei mesi estivi.

Durante un inverno particolarmente nevoso, dipinse 18 vedute di Argenteuil ricoperte di neve. Molte di queste, come quella che vedete, mostrano la sua strada - il boulevard Saint-Denis - che conduceva alla stazione sulla riva della Senna.

Monet sacrificava i dettagli in favore dell'ambiente.

Argenteuil oggi
Sebbene Argenteuil sia cambiata parecchio dai tempi di Monet, potete ancora ammirare la strada (oggi rinominata boulevard Karl Marx) e perfino la casa dove visse con la famiglia.
Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo