Il programma di Padiglione Italia per le scuole

Il Progetto scuola di Padiglione Italia ha come obiettivo valorizzare le eccellenze del sistema formativo italiano a confronto con le esperienze delle scuole internazionali. Il progetto declina il concetto del “Vivaio”, stimolando l’educazione interculturale, mettendo a confronto le realtà formative del mondo, offrendo l’opportunità di sottolineare l’importanza dell’educazione per il nostro futuro, realizzando un laboratorio continuo sui temi di Expo attraverso presentazioni realizzate da soggetti scolastici e formativi. Ogni classe selezionata dal progetto ha presentato il proprio lavoro in accordo con il calendario quotidiano di Padiglione Italia.

La visita di Michelle Obama e Agnese Renzi.

La dimostrazione di una potenza del futuro del Paese espressa dai progetti realizzati sui temi di Expo Milano 2015 e presentati ai visitatori della Mostra. Ogni progetto è stato selezionato dai Concorsi “La scuola per Expo 2015 “ del MIUR e dal Bando dell’Ufficio scolastico della Lombardia. Per i visitatori di Palazzo Italia e per le Delegazioni dei Paesi del mondo che hanno visitato la mostra, è stata finora la prova tangibile che la declinazione dei temi proposti dal tema “Nutrire il pianeta, Energia per la vita” ha intersecato le “educazioni“ che stanno alla base dei percorsi didattici che formano i futuri cittadini. Ogni progetto è stato presentato in italiano, inglese e qualche volta anche in francese e in spagnolo. Nello spazio scuole hanno inoltre trovato ospitalità i progetti di alcune scuole adottate da Confindustria e gli interventi del Ministero della Salute che, attraverso i propri esperti, ha spiegato ai giovani i principi essenziali della giusta alimentazione. Non sono poi mancati i laboratori interattivi organizzati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, da Unicef e dai partner di Padiglione Italia.
I concorsi e le iniziative premianti hanno permesso alle scuole di intrecciare sinergie sia con il mondo produttivo che con il tessuto dei propri territori • incrementando l’approfondimento culturale e tematico, • avviando nuovi modelli educativi, • in alcuni casi anche destrutturando la modalità frontale dell’insegnamento con interazioni innovative a vantaggio dello spessore dei contenuti affrontati spesso in maniera interdisciplinare e interclasse. In quasi tutte le realtà scolastiche degli Istituti comprensivi - che includono la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di I grado - vi è stata (e vi sarà) partecipazione al progetto sui temi di Expo. Fin qui interessando anche 800 alunni per un unico Istituto. Negli Istituti di Istruzione Superiore - che comprendono vari indirizzi di studio – la collaborazione tra gli stessi istituti ha generato progetti di impresa simulata, creazione di prototipi connessi alle colture agro-alimentari, innovazioni tecnologiche create dagli stessi studenti sotto la guida dei docenti. Le esperienze presentate dai Centri di Formazione professione e dagli ITS (Istituti Tecnici Superiori) sono la prova che il rapporto tra formazione e impresa è ormai una realtà e che l’alternanza scuola-lavoro sta preparando i giovani al mutato mercato del lavoro.
eBook "Vivaio Scuole"
Tutti i progetti presentati dalle scuole sono raccolti e descritti nell'eBook "Vivaio Scuole", promosso dal MIUR e da Padiglione Italia, con il supporto della Fondazione Bracco.
Riconoscimenti: storia

<aref=" http: / /www.quintadicopertina.com /doc /vivaioscuole.xhtml">Scarica "Vivaio Scuole" eBook

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo