India
Scopri l'Arca del Gusto di Slow Food, un patrimonio agroalimentare da salvare

Il mandarino khasi (in latino Citrus rediculata, soh sohniamtra in lingua khasi) è un po' più grande di una palla da tennis e ha un colore arancione brillante.

Si distingue dagli altri mandarini per il suo aspetto sodo e la sua buccia morbida. E' difficile da sbucciare ma ha una polpa molto succosa.

Una volta sbucciato e tagliato, rilascia un succo dolce e aromatico.

Nonostante lo stesso genotipo si ritrovi in tutta la regione del Meghalaya (nell'India nordorientale), le qualità organolettiche eccezionali di questo frutto sono legate a un'area specifica.

Nella fascia meridionale del Meghalaya, dove vivono le popolazioni War e War-Jaintia, il suolo ha un alto contenuto di calcare e quindi un ph più elevato, che conferisce ai frutti caratteristiche straordinarie, rispetto ai terreni normalmente più acidi della regione.

Inoltre le basse altitudini garantiscono temperature più alte, e quindi frutti più dolci. Durante la fioritura, gli alberi richiamano le api che producono così uno dei mieli più apprezzati della regione.

Il miele e i mandarini hanno da sempre un'importante ruolo nella dieta delle popolazioni Khasi e Jaintia.

La raccolta dei frutti avviene tra novembre e febbraio, a volte fino ad aprile: i contadini utilizzano uno strumento particolare in bambù, una sorta di forca chiamata proh

Per conservare i frutti raccolti, si lascia intatto il peduncolo.

Sotterrati in una fossa scavata nel terreno, i mandarini possono conservarsi anche fino a giugno.

La richiesta di questi agrumi è sempre molto alta, ma la qualità sta decrescendo di anno in anno a causa dell'incuria con cui sono mantenuti gli alberi.

L'arrivo di nuove varietà dai prezzi più competitivi inoltre sta minacciando la sopravvivenza di questo agrume.

Negli ultimi anni, una manifestazione è realizzata nella città di Shillong per promuovere le varietà di agrumi del nord-est. Questa occasione sta contribuendo a rendere il mandarino khasi un po' più conosciuto.

Riconoscimenti: storia

Photos — Archivio Slow Food

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo