Composizioni di conchiglie fatte con l'interpretazione dell'artista

Foresta di Terebre e Turritelle, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

La natura è sempre stata fonte d’ispirazione per l’arte, nel tempo i più grandi artisti hanno cercato di imitarla e riprodurla. Si può notare come, in natura, le forme e i colori, molto spesso si ripetano e somiglino tra loro. Questo accade anche per quanto riguarda i molluschi, che spesso richiamano elementi naturali e paesaggistici. La serie vuole evidenziare proprio questa peculiarità, esaltando, grazie alla composizioni, le forme frattali e i colori vivissimi di alcune specie.
Le fotografie vogliono rendere omaggio al connubio, da sempre presente, tra arte e natura.

Una foresta di Turritelle (sinistra) e cinque Terebre armate di veleno (a destra)

Pineta di Tectus dentatus, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

In realtà questi grandi pini sono dei Tectus dentatus e si possono trovare solo nel Mar rosso

Turbinellidae, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Sembrano alberi, ma sono delle Coluzea (Turbinellidae) sudafricane

Pleurotomariidae e Epitoniidae, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Villaggio giapponese di bianchi Epitonium e di variopinte Pleurotomarie

Cypraeidae, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Riunione di famiglia fra Cipree; fra loro parenti più o meno stretti

Glossidae, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Le chiamano "cuori d'uomo", ma il loro nome scientifico è Glossus humanus

Ravioli di Glossus humanus, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos
Turridae grove, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Una foresta di Gemmula (Turridae) che popolano i fondali fangosi dell'immenso Oceano Indo-Pacifico

Coluzea eastwoodae, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos
Babelomurex cristatus, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Sembra una schiera di minacciosi Samurai, ma nella realtà si tratta solo di delicati Babelomurex

Rose di Haustellum haustellum, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Due rose senza spine (Haustellum barbieri)

Pholadidae, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

(Le “Ali d’angelo” perforano i duri fondali argillosi della Florida (Cyrtopleura costata)

Oliva sericea glitch, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Queste "Olive" non producono olio, ma potenti tossine (Oliva sericea)

Villaggio di Conidae, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Un piccolo villaggio di Conus velenosi

Il ventaglio, Pecten jacobaeus, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Il Pecten jacobaeus prende il suo nome da San Giacomo: è il simbolo dei pellegrini che percorrono a piedi il "Cammino di Santiago de Compostela"

L'arcipelago, Patelle e Fissurelle, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Una catena montuosa di Patelle e Fissurelle

Spettro di Pectinidae, Dalla collezione di: Museo Malacologico Malakos

Un gruppo di Chlamys che ricorda la tavolozza di Mirò

Riconoscimenti: storia
Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo