Tutta l'arte del MAO che vi farà svuotare la mente e dire solo "Ommm"

Meditare da seduti
Posizione del loto: con le gambe intrecciate, le ginocchia a terra, le mani appoggiate in grembo e gli occhi chiusi. Lo "sviluppo della calma" permette di raggiungere il massimo rilassamento e favorisce la meditazione.
Meditare da in piedi
Il corpo è rilassato, allungato e aperto. I piedi sono paralleli, con le punte che guardano in avanti. La testa è come tenuta sospesa ad un filo che proviene dall’alto. Unificate l’energia interna immaginando che il respiro possa fluire attraverso tutto il corpo.
Meditare in bidimensionale
In sanscrito c'è una parola specifica, per indicare la meditazione: dhyana. In nessun altra lingua esiste una parola che abbia lo stesso significato, benché nelle lingue occidentali esistano tre parole che riescono a suggerirne il senso: concentrazione, contemplazione, meditazione. "Nella preghiera sei tu che parli con Dio; nella meditazione sei tu che lo ascolti." 
Riconoscimenti: storia

Fondazione Torino Musei
Museo d'Arte Orientale Torino
Archivio Fotografico Fondazione Torino Musei
Team Comunicazione Fondazione Torino Musei
-------------------------
Aspettiamo i vostri commenti @maotorino

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo