Tutto cominciò con uno scialle di seta: il Knossos

Palazzo Fortuny

La consacrazione del nome Fortuny

La prima creazione che ha reso celebre il nome di Fortuny nel campo della moda, nel 1907, fu uno scialle di seta stampata: il Knossos.

Questo velo, che ricorda nella foggia l’himation greco o il sari indiano, è di forma rettangolare e di notevoli dimensioni, 450 cm di lunghezza e 110 cm di larghezza.

La tecnica
Alti livelli di artigianalità, sperimentazione e innovazione resero la prima creazione di Fortuny un successo immediato.

Il Museo Fortuny conserva le prime prove di stampa eseguite su carta che mostrano i motivi decorativi usati da Fortuny per i suoi primi scialli: fiori di papiro, palme cuoriformi, fiori stilizzati e argonauti.

Motivi
Il Knossos presentava motivi decorativi proto-corinzi, cretesi, minoici ed ellenici, derivati dalla pittura vascolare.

I primi prototipi di scialle Knossos si poterono ammirare in occasione del balletto per l’inaugurazione del teatro privato della Contessa di Béarn, a Parigi, il 29 marzo 1906.

Dopo mesi di intenso lavoro di sperimentazione sui materiali, saggi dei coloranti e ricerca dei motivi decorativi più peculiari, Mariano e Henriette giunsero alla realizzazione di quindici modelli diversi di scialle. La presentazione avvenne a Berlino, il 24 novembre 1907, con la partecipazione della danzatrice statunitense Ruth St. Denis che diede saggio di come indossare i raffinati veli.

Nomi all’apparenza estratti da un formulario magico vennero a indicare i singoli modelli di scialle Knossos: “Alblan”, “Aldou”, “Algan”, “Alro”, “Gandou” e “Tilleul".

Il Knossos, nella sua versatilità, poteva essere indossato in diversi modi, come un copricapo o una veste, oppure morbidamente avvolto attorno al corpo.

La stessa Henriette fu immortalata così abbigliata da Fortuny, in un dipinto di grande formato dal titolo Ritratto in costume pompeiano.

Riconoscimenti: storia

Museo Fortuny Venezia Palazzo Orfei

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo