1254

La Carta di Fabriano

Unioncamere

“Un sistema di produzione che è rimasto intatto da centinaia d'anni, un prodotto di qualità superiore che ha segnato la storia dell'occidente"

Fabriano è una delle pochissime città al mondo dove ancora oggi la carta viene fabbricata a mano a testimonianza della volontà di non recidere i legami con una tradizione ultracentenaria.

Qui nacque la prima carta occidentale, merito delle innovazioni tecnologiche che questo territorio apportò alla fabbricazione del prodotto.

Le innovazioni più importanti furono l’introduzione della collatura con gelatina animale dei fogli, per renderli impermeabili all’inchiostro...

... l’adozione della pila idraulica a magli multipli, per la raffinazione dell’impasto e l’invenzione della filigrana quale elemento di sicurezza, per attestare la qualità della carta identificandone il produttore. 

I preziosi fogli filigranati di Fabriano sono destinati ad utilizzi pregiati, e vengono prodotti con materie prime sceltissime  attraverso un metodo che è rimasto invariato per 700 anni.

La pasta viene distribuita su una tela con un telaio dal quale il foglio viene poi distaccato e pressato per disidratarlo, in seguito lo si dispone negli "stendaggi" per l'asciugatura. 

Segue l'immersione in un bagno di gelatina animale che lo rende impermeabile agli inchiostri e ne assicura la conservazione. Dopo una seconda disposizione nello stendaggio, il foglio è pronto per le operazioni di rifinitura.

La capacità produttiva di un " Tino " è molto ridotta e al massimo può raggiungere i 100 Kg. giornalieri. 

Nel XIII secolo alcuni mastri cartai fabrianesi, attratti dalla possibilità di mettere a frutto le loro conoscenze tecniche, fondarono fabbriche di carta in diversi centri italiani, sviluppando così una concorrenza agguerrita al di fuori dei confini cittadini. A partire dal 1782, Pietro Miliani e i suoi discendenti riuscirono a rilanciare la tradizione cartaria fabrianese, raggruppando le cartiere superstiti, riportandola così ai vertici qualitativi che le erano stati propri sin dalla seconda metà del XIII secolo. 

La diaspora territoriale rende difficile definire la zona di produzione della “carta fabrianese”. E' quindi preferibile ricollegare l’areale di produzione al territorio comunale di Fabriano...

...in cui la plurisecolare lavorazione tradizionale è rimasta viva grazie all’opera dei mastri cartai.

Riconoscimenti: storia

Curator — Camera di Commercio di Ancona

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo