Il Giardino della Kolymbethra

Valley of the Temples

Un angolo della terra promessa

La piscina degli dei
Accanto al paesaggio dell’arboricoltura asciutta del mandorlo e dell’olivo della Valle, laddove maggiore è la disponibilità di risorse idriche e solitamente in prossimità di edifici rurali, agrumeti e frutteti irrigui danno, invece, vita al paesaggio dell’arboricoltura irrigua. Tra i giardini di agrumi della Valle, quello della Kolymbethra si carica di un ulteriore e straordinario valore storico-archeologico. Il “giardino”, così come si chiamano in Sicilia gli agrumeti tradizionali per sottolinearne l’utilità e la bellezza che essi racchiudono, è coltivato infatti in una piccola valle all’estremità occidentale della Collina dei Templi tra il Tempio dei Dioscuri e il Tempio di Vulcano, nel sito identificato con quello della piscina greca (κολυμβήθρα=piscina, bagno, cisterna, peschiera) di cui scrive Diodoro Siculo nel I sec. d.C., a proposito dei lavori compiuti dagli schiavi cartaginesi dopo la battaglia di Himera (480 a.C.) . Essi “abbellirono la città e il territorio... questi tagliavano le pietre con le quali non solo vennero costruiti i più grandi templi degli dei, ma vennero costruiti anche gli acquedotti per gli sbocchi delle acque della città... Fu sovrintendente di queste opere l’uomo, che avendo il soprannome di Feace, fece sì che, per la rinomanza della costruzione, da lui gli acquedotti venissero chiamati Feaci. Gli agrigentini costruirono anche una sontuosa piscina che aveva la circonferenza di sette stadi e la profondità di venti cubiti: in essa vennero condotte le acque dei fiumi e delle sorgenti, diventando così un vivaio di pesci, che forniva molti pesci per l'alimentazione e per il gusto; e poiché moltissimi cigni volavano giù verso di essa, la sua vista era una delizia. Ma in seguito trascurata, venne ostruita, e infine, distrutta per la quantità del tempo trascorso e gli abitanti trasformarono tutta la regione, che era fertile, in terreno piantato a viti, e densa di alberi di ogni tipo, così da ricavarne grandi rendite”.

L'agrumeto tradizionale della Kolymbethra

Antica chiesa rupestre

Uno scorcio del paesaggio perduto del seminativo-arborato: olivo secolare consociato alla coltivazione del seminativo (fave).

L’orto del contadino tra gli antichi aranci, fonte di cibo genuino per la famiglia del coltivatore al tempo dell’economia agricola di sussistenza.

Il giardino di agrumi
Quando all’orto ed alle piante da frutto si aggiunsero gli agrumi, prese la denominazione di giardino per sottolineare, come si usa in Sicilia, la coincidenza dell’utilità e della bellezza in un campo coltivato. Così avviene almeno dagli anni in cui furono introdotte, nei “sollazzi” dei re arabi e poi normanni, le più importanti specie agrumicole e anche quando, dalla metà del XIX secolo, si affermerà la monocoltura indirizzata ai mercati del nord. Ciò testimonia come ad essi siano riconosciute, non disgiunte dalle produttive, funzioni culturali fondate sul piacere estetico e sensoriale che deriva dalla forma degli alberi, dal colore e dal sapore dei frutti, dall'appariscente e profumata fioritura della zàgara, dall'ombra e dalla frescura assicurata dalla chioma sempreverde.

Pareti di calcarenite della Kolimbethra

L'intervento di recupero
Uncultivated for twenty years, the Garden of Kolymbethra was at risk of disappearing, and with it a material culture and a landscape which was increasingly endangered every day. Until 1998, when FAI (Italian National Trust) signed an agreement with the Sicily Region, under which the latter handed over the area for 25 years in exchange for environmental and landscape restoration of the 'garden'. On completion of the project, the Garden of Kolymbethra was opened to the public on 9 November 2001 with the goal of giving back an invaluable agricultural and cultural landscape to visitors. Abandonment had hidden a long and productive history based on the fertility of the alluvial soil, the abundance of water and a microclimate that the limestone walls kept mild all year round year. In the steeper areas, garrigue and Mediterranean shrub, there are examples myrtles and oaks of exceptional dimensions, while degradation hid – up the point of smothering – what was left of a cultural landscape of great historical, agronomic and landscape value. On the valley floor, beyond the small perennial river bordered with reeds, there is a Mediterranean garden in the sense of a garden-orchard and, in particular a citrus grove, and, in the non-irrigated areas, the dry arboretum of almond and olive (Barbera et al., 2005). The restoration was aimed at preserving use of the soil, species, varieties, agronomic techniques and the traditional agricultural landscape, making minor modifications (walkways, seating, crossings) to encourage visits to and learning about a 'garden' which retains the character of a historic agricultural system and landscape: namely, a Sicilian citrus grove garden. Today, Kolymbethra encapsulates in six hectares the agricultural and natural landscape of the Valley of the Temples. In the steepest areas, plants of the Mediterranean shrub: myrtle, mastic, terebinth, broom, phillyrea, euphorbia, buckthorn, dwarf palm. On the valley floor, beyond the small river fed by the still perfectly functioning drainage tunnels and bordered by reeds, poplars, willows and tamarisks, there is a citrus grove with ancient varieties of lemons, mandarins and oranges, irrigated using traditional Arabic techniques. Where the water does not reach, mulberry, carob, prickly pear, almond and gigantic 'Saracen' olive trees grow.

una siepe di profumatissimo rosmarino accoglie i visitatori, subito dopo il cancello di ingresso al giardino, che si trova di fronte al Tempio dei Dioscuri

Interno di un Acquedotto Feace: la galleria drenante è ancora in piena efficienza e conduce le acque della falda freatica fuori dalla terra fungendo da sorgente artificiale

Vista del Tempio dei Dioscuri dal Giardino della Kolymbethra

Dalla "gebbia", l’acqua scorre nelle "saje", canali realizzati in terra battuta o con le tegole rovesciate, per raggiungere le varie aree del giardino da irrigare secondo dei turni prestabiliti

"Gebbia", vasca di raccolta idrica

A treasure chest of biodiversity 
The Kolymbethra is a garden filled with a vast and ancient variety of fragrant and flavourful fruits that are resistant to disease, based on agronomic technologies and genetic resources which are not adequate for the dominant needs of a global market and production efficiency. Although the most widespread of the species grown here are citrus fruits, there are also many other fruit species, revealing a high level of specific biodiversity: azarole, banana, carob, quince, fig, prickly pear, white mulberry, black mulberry, persimmon, pomegranate, loquat, medlar, pistachio and mountain ash. In general, each species is represented by ancient varieties which are largely no longer cultivated in modern fruit growing systems. The varieties of citrus in the garden have been studied at both morphological and molecular level. These ancient citrus varieties were once a necessary and functional part of the agricultural system, in which variability made it possible to have genotypes suitable for the growing environment, resistant to adversity, with nutritional and qualitative characteristics suited to the needs of both farmers and markets. Varieties of orange including Sanguigno and Sanguigno Doppio, Sanguinello Moscato, Ovale, Moro, Brazilian, Vaniglia Apireno and Vaniglia Sanguigno, as well as the common Femminello lemon and the Avana mandarin, identified in the Kolymbethra and represented by centuries-old trees, testify to the ancient genetic wealth that was in danger of disappearing following decades of neglect and abandonment which engulfed the garden before the recovery of its environment and landscape. In the citrus growing systems of Isola, these varieties, like many others, are unfortunately now being made obsolete by increasingly dynamic variety upgrades, and are found only as scattered plants in the old citrus groves, or in amateur gardens or collections held at public institutions. The genetic erosion to which they are subjected is the prelude to their definitive disappearance, and concerns precisely genetic entities which, although not all of them have ever been cultivated in real systems, have a high historical as well as genetic value. Some of these varieties are represented within the garden by large trees that still bear the wounds of agricultural abandonment on their trunks. They represent a valuable genetic, as well as historical and cultural, heritage that must be preserved, maintained and enhanced. Knowledge of this heritage is the starting point for enhancement of the germplasm that these varieties represent, and a point of reference in terms of the choices of strategies and direct actions for preservation of the garden. The almost 63,000 visitors that Kolymbethra welcomes each year, including the many students for whom several new educational paths have been created, are shown the importance of preserving and protecting the biodiversity of the garden. This puts the garden at odds with intensive modern monocultural fruit facilities, which may be more productive and efficient, but which are devoid of all the smells, flavours, colours and shapes that only traditional agricultural landscapes can preserve because they are repositories of biodiversity, ancient knowledge, production values, environmental and cultural concerns and a way of life that are disappearing. Kolymbethra is an example of how to promote active protection of a traditional agricultural landscape, recognising its multifunctionality, including not only productive, but also environmental, cultural, ethical and aesthetic functions. Its restoration shows how, in fact, the economy of traditional agricultural landscapes can also be supported by activities not directly related to production, but rather to services.
Il giardino della Kolymbethra nelle pagine dei viaggiatori del Grand Tour
Nei diari dei viaggiatori del Grand Tour che, scegliendo Agrigento come ultima meta italiana nel viaggio alla scoperta delle antichità classiche, la Kolymbethra viene citata all’interno di entusiastiche descrizioni dei Templi e del paesaggio. Nel 1770 Jean Houel, scrive: “(…) “Vivaio di Agrigento”. Ai piedi della collina sulla quale fu elevato il Tempio di Castore e Polluce, in Agrigento, si vede il luogo dove si trovava questa famosa piscina, all’incirca di un miglio di circonferenza e di venti cubiti, dicono, di profondità. E’ famosa per essere stata realizzata interamente dalla mano dell’uomo, cosa che è molto poco verosimile. Gli agrigentini vi allevavano una grande quantità di pesci di acqua dolce. Gli storici ne hanno parlato; oggi non ne resta alcuna traccia. Della stessa piscina non si trovano neppure le vestigia della cinta muraria. Il fiume Akragas, le cui acque alimentavano la piscina, essendo stato trascurato, dopo che la città è stata abbandonata, ha trascinato il terreno e le pietre di cui era formata la piscina e scavato la valle da ogni parte, portandone i resti al mare. Si dice che i pesci di questa piscina erano destinati ai banchetti pubblici, il fatto che si potrebbe far credere che vi allevavano anche pesci non appartenenti alla Sicilia. Lo specchio delle acque era coperto da cigni, da oche e da altri uccelli tipici degli ambienti acquitrinosi, il che costituiva uno spettacolo gradevole, poiché gli agrigentini non trascuravano nulla di quello che poteva aumentare i loro piaceri. Vicino al luogo dove c’era la piscina, sul versante nord della collina, in un piccolo giardino, si vede una sorgente che, si sostiene sia una sorgente di olio. Io l’ho esaminata attentamente, ne ho vista nella piccola cavità che riempie niente altro che dell’acqua la cui superficie oleosa da vita a degli arcobaleni, cioè delle tinte blu e gialle, con delle irridiscenze colorate che offrono questi colori, dei colori come si vedono su alcune acque stagnanti: è il prodotto della dissoluzione di certe piante che il dilavamento delle piogge provoca, i cui costituenti grassi formano questo arcobaleno, depositandosi sulle acque. Se è vero che questa sia un’acqua di sorgente, questi iridi possono essere causati dalla dissoluzione di alcune terre bituminose che sono nelle vicinanze. Al di sotto di questo luogo, si trovano dei sotterranei, scavati nella montagna in diversi punti. Queste entrate sono talmente strette, che può passare un solo uomo alla volta; essi sono molto profondi e hanno ogni genere di direzione… Questi sotterranei hanno un’altra origine: pare che questi acquedotti, queste zone di sentieri nelle montagne, erano stati costruiti apposta, perché le nuvole e l’umidità dell’atmosfera, trasformandosi in acqua, giungessero in queste cavità e non si perdessero dove l’acqua sarebbe stata di alcuna utilità per gli abitanti vicini a quei luoghi. Queste acque, scorrendo verso l’imboccatura o l’entrata dei sotterranei, formano delle deboli fontane, ma permanenti. Qualcuna, persino, per l’abbondanza d’acqua che sgorga perennemente, appare come una sorta di prodigio (…)”. Nel 1777 Swiburne, nel suo itinerario nella città di Agrigento, ricordando il Tempio di Castore e Polluce, cita anche la Kolymbethra: “(…) la vegetazione ha coperto la parte bassa della costruzione e solo pochi frammenti di colonne appaiono tra le vigne”; colloca il tempio esattamente “nel punto della collina in cui il muro si interrompe sul bordo di un ampio vivaio di pesci di cui parla Diodoro. Essa ora è secca ed è usata come giardino”. Segnala anche “sulla collina opposta (alla Kolymbetra) due snelle colonne senza capitelli molto suggestivamente e felicemente collocate in una macchia di alberi di carrubo. (…)”. Si tratta indubbiamente del Tempio di Vulcano. Anche Saint-Non, visitando nel 1785 Agrigento, rimane affascinato dalla Kolymbetra: “(…) E’ presso le rovine del tempio di Castore e Polluce che si vedono i resti di questa famosa piscina, scavata dai prigionieri cartaginesi, dopo la battaglia di Himera; essa aveva, secondo Diodoro, venti cubiti di profondità e sette stadi di circonferenza, cioè 4200 piedi, o 700 tese di circuito. Sembra, secondo questo storico, che il lusso prodigioso degli abitanti di Agrigento li aveva portati a fare scavare questa vasta piscina e perché avrebbe potuto essere utile per l’approviggionamento della loro città. A prescindere da una immensa quantità di pesci di tutte le specie che venivano nutriti per la tavola dei ricchi cittadini, essi vi allevavano tutti gli uccelli di fiume possibili; la varietà delle loro forme e del loro piumaggio era diventata un oggetto di divertimento e uno spettacolo per gli oziosi della città. Sebbene il rivestimento di questo immenso serbatoio, che doveva essere in pietra, così come tutto quello che era di antica costruzione, sia assolutamente distrutto e che il tempo avesse come solcato ed eroso in parte la roccia entro la quale era stato scavato, è possibile ancora vedere la forma e la grandezza: lo stesso canale che vi conduceva le acque da una sorgente vicina, esiste in qualche punto; l’acqua scorre ancora in questo canale e va ad irrigare dei giardini rigogliosi che occupano oggi il fondo della piscina... Alla fine di questa sorgente d’acqua dolce, impregnata di grasso e di sale, scorre in una piccola valle che, per la sua sorprendente fertilità, somiglia alla valle dell’eden, o a un angolo della terra promessa…(…)”. Nel 1821 Marquis de Foresta, sulla Kolymbethra esprime: “(…) Quanto alla piscina di sette stadi di circonferenza e venti cubiti di profondità, lo stesso autore (Diodoro lib. XX) ci dice che era stata costruita nella stessa epoca (480 a.C.), ma che a suo tempo, aggiunge, già non esisteva più, a causa della mancanza di manutenzione. E’ facile riconoscerne l’ubicazione sui bordi del fiume Akragas all’angolo occidentale della città, poco lontano dal Tempio di Castore e Polluce. L’azione dell’erosione hanno trasformato la piscina in una specie di burrone molto profondo destinato alla coltura degli ortaggi: Essa ne rifornisce i mercati di Girgenti dove invano, potremmo cercare, oggi, i pesci che in abbondanza questo stesso burrone era in grado di fornire ai tempi in cui costituiva una vasta piscina… (…)”. Nel 1896, Gaston Vuillier giunto ad Agrigento, della Kolymbethra, scrive: “(…) Poco lontano un frammento del Tempio di Castore e Polluce disegna superbamente sul cielo quattro colonne d’angolo col cornicione d’un bel colore caldo; e ciò è quanto resta di quel santuario. Il custode che incontrai mi condusse sull’orlo di un profondo burrone; egli mi disse che in quel luogo v’era un’antica piscina di 7 stadi di circuito e di 20 cubiti di profondità, la quale fu scavata dai prigionieri cartaginesi dopo la battaglia d’Imera. Il numero di quei prigionieri fu tale che ad alcuno dei cittadini ne toccarono in sorte persino cinquecento. Fu con l’aiuto di tanti schiavi che Agrigento poté abbellirsi di una tal quantità d’edifici. La vista di cui si gode dai bordi della piscina, poco elevata dal resto, è superba. Gli antichi templi mostrano le loro colonne attraverso gli alberi di arancio e al di là si scopre il mare infinito. Vi sono rimasto a lungo, debole per il caldo, con lo sguardo perso tra le foglie che tremano e luccicano ai soffi irregolari della brezza marina e il mio pensiero errante ha preso a risalire il corso degli anni. Lasciammo l’orlo del burrone e andammo a riposarci all’ombra d’un folto carrubo; i massi del Tempio di Zeus Olimpio erano ammonticchiati intorno a noi, e di là dagli ulivi, stentati e sottili, si estendeva il mare infinito e fremente. Nessun rumore turbava quella solitudine; solo di quando in quando le cavallette, facendo del fruscìo fra le erbe secche, richiamavano la nostra attenzione (…)”.
Da “I vecchi e i giovani” di Luigi Pirandello
……L’antica famosa Colimbètra akragantina era veramente molto più giù, nel punto più basso del pianoro, dove tre vallette si uniscono e le rocce si dividono e la linea dell’aspro ciglione, su cui sorgono i Tempii, è interrotta da una larga apertura. In quel luogo, ora detto dell’Abbadia bassa, gli Akragantini, cento anni dopo la fondazione della loro città, avevano formato la pescheria, gran bacino d’acqua che si estendeva fino all’Hypsas e la cui diga concorreva col fiume alla fortificazione della città”…..
Da "La pazienza del ragno" di Andrea Camilleri
“ ... Montalbano phoned Marinella. Livia had just come in and was happy. 'You know, I've just discovered a fabulous place. It's called Kolymbetra. Just think, it used to be a great big pool, originally carved out by Carthaginian prisoners'. 'Where is it?' Montalbano asked. 'It's right there, near the temples. Now it's a kind of vast garden of Eden, just recently opened to the public......... ...... .. Promise me some day or another we will go”.......... ..
Riconoscimenti: storia

La mostra è stata curata da Giusi Messina.Coordinamento generale: Giuseppe Parello, Direttore Parco Archeologico e Paesaggistico Valle dei Templi di Agrigento.Testi: Maria Ala, Giuseppe Barbera e Giuseppe Lo PilatoFoto: Maria Ala; Archivio Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi; Archivio FAI.Si ringrazia Il Direttore del Giardino della Kolymbethra Giuseppe Lo Pilato e il FAI (Fondo Ambiente Italiano).

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo