La Musa Urania

Antiveduto Gramatica (e Imperiale Gramatica?)

By La Venaria Reale

La Musa Urania, olio su tela, 1620 circa, Consorzio delle Residenze Reali Sabaude – Reggia di Venaria Reale in affidamento da Valcasotto, Garessio (CN), Castello di Casotto (1620 ca.) by Antiveduto GramaticaLa Venaria Reale

L’opera raffigura la Musa Urania, figlia di Zeus e Mnemosine. Il suo nome significa “cielo” ed è la dea dell’astronomia e della geometria.

Ha il capo coronato di stelle e indossa un’ampia e morbida veste di seta azzurra che le lascia scoperto un seno e il braccio destro.

La luce plasma la figura e il contrasto con le ombre crea un’ottima resa dei volumi.

Solleva con la mano destra un astrolabio, un antico strumento con cui era possibile localizzare la posizione dei corpi celesti e venne usato anche per la navigazione prima dell’invenzione del sestante. L’eloquenza del gesto rende seducente la Musa.

Nella mano sinistra ha un compasso, simbolo della geometria, l’altra disciplina di cui è protettrice.

Il dipinto è molto probabilmente opera del pittore caravaggesco Antiveduto Gramatica (1571-1626).

Facente parte delle storiche collezioni dinastiche sabaude, venne trasferito tra il 1837 e il 1882 nel Castello di Casotto in provincia di Cuneo, proprietà dei Savoia.

Credits: All media
The story featured may in some cases have been created by an independent third party and may not always represent the views of the institutions, listed below, who have supplied the content.
Google apps