Editorial Feature

Le location più alla moda che puoi esplorare in Street View

Ammira i luoghi dove la moda prende vita.

Dai palazzi glamour ai college dove le future stelle del design affinano le loro abilità, è possibile fare un viaggio virtuale nei luoghi in cui la moda prende vita. Ecco le 11 location alla moda più esclusive di tutto il mondo che puoi esplorare con Street View:

Palazzo di Versailles
Luigi XIV era un re che riconosceva l'importanza dell'immagine. Non solo il suo guardaroba era un esempio di bellezza, ma egli rivoluzionò il settore stesso della moda e trasformò Versailles in uno scenario in cui la sua corte poteva mostrare le tendenze costantemente aggiornate e i tessuti delle stagioni. Nel 1973 il palazzo divenne nuovamente un centro per la couture all'avanguardia come sede del Fashion Show della Battaglia di Versailles, che ha messo i designer francesi e americani l'uno contro l'altro per raccogliere fondi per il restauro dell'edificio.

Palazzo di Versailles, Île-de-France

Palazzo Pitti
La Sala Bianca, nel Palazzo Pitti di Firenze, è il luogo in cui nacque la moda italiana nel 1951. Fu qui che i designer italiani cominciarono a mostrare le loro collezioni sulla pista, rendendola la casa di moda di lusso nei primi anni '60. Ricordando i giorni della fiorente settimana della moda italiana, Karl Lagerfeld ha fatto del palazzo rinascimentale la sede per la sua mostra fotografica Visions of Fashion del 2016, in cui erano esposte oltre 200 delle sue stampe, tra cui alcune opere mai viste prima. Le grandi sale divennero il fondale ornato per eleganti scatti fotografici di riviste, serie di foto ispirate alla mitologia classica e agli editoriali di haute couture.

Palazzo Pitti, Firenze

Bunka Fashion College
Il Bunka Fashion College iniziò nel 1919 come una scuola di sartoria per ragazze e nel 1936 pubblicò la prima rivista di moda giapponese. Oggi i suoi ex allievi includono Kenzō Takada, Yohji Yamamoto e Tsumori Chisato. Il College sottolinea l'importanza di comprendere la forma del corpo, e ogni anno crea nuovi manichini sulla base delle misurazioni medie dei suoi studenti. Questo assicura che le allieve non lavorino su manichini standard utilizzati in tutto il mondo, ma con forme che riflettano maggiormente le forme di persone reali.

Bunka Fashion College, Tokyo

Los Angeles County Museum of Art
Nell'incredibile collezione del Los Angeles County Museum of Art si trovano oltre ventimila oggetti da più di cento culture che si estendono fino a duemila anni fa. La dedizione del LACMA alla storia della moda è talmente grande che il museo ha trascorso un decennio a cercare uno zoot suit originale degli anni '40, finalmente acquistato a un'asta per 78.000 dollari. Il pezzo è stato esposto nell'esposizione "Reigning Men", che mostrava la moda maschile dal 1715 al 2015.

LACMA, Los Angeles

ModeMuseum Provincie Antwerpen
MoMu celebra la competenza storica e la moda contemporanea belga, che si dice sia stata iniziata dal famigerato Antwerp 6, un gruppo di designer che si imbarcarono in un furgone e si diressero a Londra per esporre la loro unica opera negli anni '80. Questo ha contribuito a lanciare Anversa come prestigioso scenario di moda che continua a essere celebrato oggi attraverso le avventurose e dinamiche mostre del museo. MoMu mira a vedere la moda nel suo contesto sociale, politico e culturale adattando il proprio spazio ai concetti individuali dei progettisti e delle loro squadre.

MoMu, Anversa

Museo Frida Kahlo
Dopo che Frida Kahlo morì nel 1954, Diego Rivera, suo marito, mise i suoi vestiti e oggetti nel bagno della casa e chiuse la porta con l'istruzione che nessuno dovesse entrarci fino a 15 anni dopo la propria morte. La camera non è stata aperta fino al 2004 e il suo iconico guardaroba è stato esposto per la prima volta al Museo Frida Kahlo, la loro ex casa. Gli abiti dell'artista non solo hanno espresso la sua personalità e creatività, ma per lei sono anche stati un modo per mascherare e decorare le ferite fisiche, con gonne lunghe, una gamba protesica decorata e corsetti in gesso dipinti.

Museo Frida Kahlo, Città del Messico

Museo tedesco del cappello
Dai cappellini alle bombette, il Museo tedesco del cappello esplora la storia tecnica e culturale di oltre 250 tipi di cappelli. Questo omaggio alla modisteria di tutte le cose è ospitato in una ex fabbrica di cappelli a Westallgäu, uno dei centri di confezione di cappelli più importanti della Germania - conosciuto nel suo periodo di massimo splendore come "Piccola Parigi". Gli impressionanti cappelli esposti, tra cui un'ipnotizzante mostra di cappelli tornado, hanno raggiunto lo spazio al Bavarian Museum Prize nel 2015. Non guarda solo al processo che sta dietro alla produzione di cappelli, ma anche al significato sociale che sta dietro ai diversi tipi di copricapo.

Museo tedesco del cappello, Lindenberg

Kobe Fashion Museum
Il primo museo di moda in Giappone, il Kobe Fashion Museum, espone abiti e costumi provenienti da culture di tutto il mondo. L'edificio futuristico, che è stato paragonato alla "Starship Enterprise" di Star Trek, ospita anche una biblioteca, un laboratorio e una sala per eventi, rendendolo un epicentro per tutto ciò che riguarda la moda. Questa vasta biblioteca è un rifugio per creativi, contenente libri su ogni aspetto della moda e del design immaginabile, nonché tendenze da tutto il mondo.

Kobe Fashion Museum, Kobe

Museu do Índio
Il Museu do Índio in Brasile è dedicato al patrimonio culturale di persone indigene in tutto il mondo. La sua mostra sull'artigianato riunisce esemplari provenienti da 42 gruppi etnici dall'Africa, dall'Asia e dalle Americhe, con particolare attenzione all'arte della decorazione con le perline e al suo legame con diversità e tolleranza. Oltre a mostrare i bei gioielli e gli accessori artigianali, esplora la relazione tra questi ornamenti colorati e il commercio e l'esplorazione.

Museu do Índio, Rio de Janeiro

Museu del Disseny di Barcellona
A partire dall'abbigliamento casalingo dal 3° al 9° secolo, il Museo del design di Barcellona presenta vestiti e accessori storici da tutto il mondo. Gli esemplari più antichi della collezione sono tessuti del periodo copto dell'Egitto, tra cui due antiche tuniche, trovate sotterrate tra il 1888 e il 1920. Il museo esplora anche le tecniche tessili, come il ricamo, il merletto, il cucito e il calicot, oltre che i modi di modellare il corpo che entrano nelle tendenze dei corsetti, della tournure e delle crinoline.

Museu del Disseny di Barcellona

Parsons School of Design
Una delle iniziative fondamentali della Parsons School of Design è la sostenibilità nella moda, con gli studenti che apprendono il design e le competenze tecniche con un focus sull'ecologia. È stata una delle prime scuole di moda a offrire un corso a zero sprechi e incoraggia gli studenti a creare la sostenibilità in ogni parte del processo di design, facendo della responsabilità ambientale più di un elemento consapevole nella moda. Questa scuola è stata frequentata dai grandi del settore come Donna Karan, Marc Jacobs, Tom Ford e Anna Sui.

Parsons School of Design, New York
Condividi questa pagina con un amico
Traduci con Google
Home page
Esplora
Qui vicino
Profilo