Loading

Marzo

Bramantino1504 circa - 1509

Sforzesco Castle

Sforzesco Castle

La serie dei dodici “Mesi” è il più illustre ciclo di arazzi del Museo. Ogni arazzo, tessuto in lana e seta, è dedicato a un mese dell’anno, di cui riproduce le tipiche attività umane legate alla sfera lavorativa, i frutti, la vegetazione e la metereologia. In ogni raffigurazione è presente un testo didascalico che descrive le caratteristiche del mese e del relativo segno zodiacale, disposto nell’angolo in alto a destra in ciascun panno.
Il ciclo di arazzi fu eseguito agli inizi del Cinquecento, commissionato da Gian Giacomo Trivulzio detto il Magno (Milano, 1440 circa - Chartres, 1518) - maresciallo di Francia e marchese di Vigevano - ad una manifattura allestita a Vigevano e guidata dall’arazziere Benedetto da Milano. I cartoni preparatori sono attribuiti a Bartolomeo Suardi detto il Bramantino e, dal punto di vista iconografico, si rifanno a una concezione tardo-medievale del calendario figurato, aggiornata con l’inserimento di elementi classici e rinascimentali.
Gli arazzi rimasero di proprietà della famiglia Trivulzio fino all’acquisto da parte delle Civiche Raccolte nel 1935.
La costanza che accomuna le dodici scene e gli elementi iconografici fissi che ricorrono (il bordo decorato, lo stemma di Gian Giacomo Trivulzio, il Sole, i segni zodiacali) conferma l’origine unitaria della serie, che deriva dall’invenzione di un solo artista. La serie dei Mesi Trivulzio fu concepita inoltre per essere esposta in una sola sala, come a formare un fregio continuo, secondo una disposizione in senso antiorario. La direzione è indicata dal gesto con cui le figure poste al centro di ogni arazzo indicano il Sole nell’angolo superiore sinistro.
Il gruppo è oggi esposto nella Sala della Balla del Museo con un allestimento che ne permette una lettura omogenea e continuativa.
Il bordo è costituito da un fregio continuo di esagoni e negli angoli e al centro di ogni lato è raffigurato lo scudo a bande verticali verdi e oro di Gian Giacomo Trivulzio. La rappresentazione del lavoro agricolo interessava al Trivulzio sia per un suo personale interesse all’agricoltura, ma anche per affermare una simbologia celebrativa ispirata ai classici latini: esaltare le pratiche agresti sottolineava il suo impegno per la pace, contrapposto all’abbandono dei campi, sinonimo di guerra. Gli arazzi appaiono dunque come una celebrazione politica di Trivulzio, portatore e protettore della pace in Lombardia per permettere ai contadini di dedicarsi al lavoro dei campi, alle feste e alle cerimonie.
La serie dei mesi inizia con “Marzo”, ritenuto all’epoca il primo mese dell’anno. Il segno zodiacale rappresentato nell’angolo superiore destro dell’arazzo è Ariete. Una figura allegorica caratterizzata da una ghirlanda di foglie di quercia stretta attorno alla testa, da un uccellino posato sulla mano destra e da piccole teste che spuntano dalla sua veste indica con una verga il Sole, in alto a sinistra. Sul piedistallo su cui questa si erge un’iscrizione recita: «Marzo dà inizio all’anno. Tutta la terra risuona. Da essa sono generate tutte le cose; spinge all’amore uomini, armamenti, pesci e uccelli» («ANNVM INCOHAT. RESONITVR/TERRA. OMNIA VNDE GERMINAVIT/HOMINES PECORA PISCES AVES/AGITQVE AMORE MARTIVS»). I contadini sono intenti nella potatura degli alberi da frutto e dalla vangatura della terra, occupazioni agricole del mese rappresentato. Due soldati romani sostengono i rami di una quercia che avvolgono l’impresa di Trivulzio. Bramantino, con questa scelta rappresentativa, recupera l’antica nozione del mese di marzo come la fase dell’anno dedicata al dio Marte, cui alludono i due soldati. A Trivulzio veniva riconosciuto il merito di aver resuscitato il valore militare degli antichi.

Show lessRead more
  • Title: Marzo
  • Creator: Manifattura di Vigevano. Arazziere Benedetto da Milano, da cartoni di Bartolomeo Suardi detto il Bramantino.
  • Date Created: 1504 circa - 1509
  • Location: Milano, Castello Sforzesco, Museo delle Arti Decorative
  • Location Created: Vigevano
  • Physical Dimensions: 466 x 485 cm
  • Type: Arazzo
  • Rights: Comune di Milano - Civiche Raccolte Artistiche, Castello Sforzesco, Milano
  • External Link: https://artidecorative.milanocastello.it/
  • Medium: Lana e seta

Recommended

Home
Explore
Nearby
Profile