Loading

Rassegna stampa, Oggetto 126

Lonzi Marta18 ottobre 1969 - 23 ottobre 2001

La Galleria Nazionale

La Galleria Nazionale
Roma, Italy

Details

  • Title: Rassegna stampa, Oggetto 126
  • Creator: Lonzi Marta
  • Date Created: 18 ottobre 1969 - 23 ottobre 2001
  • Transcript:
    mente e dell'aristocrazia della ta (lei farà parte della Commissione didattica chiamata a regolare le pro- cedure per la creazione di nuovi psi- coanalisti). In quegli anni finanzierà inoltre, e in più occasioni, l'Istituto Pasteur, l'Istituto Curie, e il pro- gramma antropologico in Australia, proposto da Freud, che dimostrerà - a favore anche delle idee di Mali- nowski --- come il complesso di Edi- po sia presente nelle società matrili- neari della Melanesia. La generosità di Marie (che lei vorrà sempre anonima) la indurrà i- noltre a soccorrere tempestivamen- te (aveva presentito profeticamente le persecuzioni naziste) i suoi amici in pericolo, primo fra tutti Freude la sua famiglia, riparati poi a Lon dra. Dopo la liberazione Marie cree- rà anche un fondo per soccorrere i francesi. Sentiva il bisogno di paga- re in prima persona, di partecipare agli avvenimenti La storia di questa donna è stret- tamente intrecciata con la storia del- la cultura europea; i suoi amici, i suoi collaboratori saranno, oltre a Freud ea sua figlia Anna, Otto Rank, Stephen e Arnold Zweig. Malino- wski, Aldous Huxley, Sartre, Ray- mond de Saussure, quei Rothschild che invitavano in casa loro Anna Freud a tenere delle conferenze, e tanti altri. Poiché Marie cercava rara, ri- mase delusa dagli intrighi e dalle be- ghe dell'Istituto di psicoanalisi, rico- stituito dopo la guerra: «Mi sembra di essere entrata in un deserto intel- lettuales, scriveva ad Anna Freud, wa Parigi noi veri psicoanalisti siamo pochi. Lacan ha anche troppe sfu- mature di paranoia e fa cose di un discutibile narcisismos; con lui a- vremo un pazzo come presidente Contro Lacan Tuttavia, Marie non disarma, prende parte alle battaglie più gnificative del movimento in quegli anni; propone di democratizzare la psicoanalisi accogliendo coloro che non possono pagare gli alti prez- zi della libera professione, al costo delle assicurazioni sociali difende gli analisti non-medici che l'Ordine dei medici vuole escludere (proble- mi che ancor oggi stanno sul tappe- to). Inoltre difende la disciplina nel l'analisi didattica contro Lacan, che fa sedute di soli dieci minuti al prez- zo di quelle di cinquanta minuti Marie Bonaparte dominò a lungo il movimento psicoanalitico france- se; resse come vicepresidente ono- rario la Società parigina di psicoa- nalisi, eopero in proprio comegran- de psicoanalista; il rancore che La- can ei suoi discepoli le serbarono ne è una riprova. Nel 1975 Jacques Derrida la difenderà, contro Lacan, per i «prestiti» che questi fece dal bellissimo scritto di Marie Bonapar- te, del 1933, sull'opera di Edgar Al- lan Poe. A conti fatti, i due romanzi che compongono la vita di questa gran signora, cosi diversi tra loro, non si possono leggere come un "prima e un «dopo l'amore per la scienza e per la natura (in età avanzata Marie si mise a studiare le stelle e il calcolo infinitesimale) era nato prestissimo, accanto a quel padre nella cui casa Pierre Curie faceva esperimenti sul radio, davanti ai più noti fisici, cosi come prestissimo si era precisato in Marie il desiderio di diventare medi- co (cosa che il padre le impedi). Ma anche quel côté «regale della sua vita non appartiene solo al primo romanzow: Marie non trascurò maii propri doveri in tal senso, come non trascurò mai quelli di madre. Questa biografia - rigorosa- mente cronologica – è costruita in modo da porre quotidianamente a contrasto le due facce dell'esistenza della protagonista, che talora si con- fondono: Freud osservò che quan- do Marie parlava di qualcuno cui voleva bene, non si capiva mai se si trattava di un cane, di un domestico, di una persona qualsiasi o di un principe. Marie appare a volte come una grande attrice che nella stessa giornata corre da un palcoscenico a un altro: come quando, trovandosia Londra per il matrimonio di sua ni pote con il duca di Kent, nessuno tra gli invitati di Buckingham Palace a- vrebbe sospettato che la consorte del principe di Grecia e di Danimar ca li piantasse in asso per andare a are alla britannica di psicoanalisi della paura femminile della penetrazione. Solo Giorgio, da principio oppositore della carriera della moglie, finì poi per accettarla e per divenire anche lui amico della famiglia Freud. Eppure questa donna, le cui me- morie sono depositate, insieme agli archivi Freud, nella Biblioteca del Congresso di Washington per i letto ri del 2030; questa donna che nei suoi ottant'anni di esistenza visse ciò che normalmente si distribuisce nella vita di almeno dieci donne, di- ce nel 1952. Bilancio. Un passapor- to da regina. Niente tasse. Niente do gane. Accoglienze da re, con la mu sica. L'inno nazionale... in cambio di una vita di donna fallita,
    Hide TranscriptShow Transcript

Get the app

Explore museums and play with Art Transfer, Pocket Galleries, Art Selfie, and more

Recommended

Google apps