L'Arte Orafa Fiorentina

“Frutto della simbiosi tra arte e artigianato: una combinazione misurata di compenetrazioni e scambi che trova la sua massima espressione nel modello della bottega rinascimentale”

Da Unioncamere

"La Storia"

L’arte orafa fiorentina risale al XII-XIII secolo e si compone di innumerevoli tecniche come il traforo, l’incisione a bulino, il cesello, il niello, l’agemina, il “cesoro”, la lavorazione a filo, la fusione in osso di seppia, la fusione con crogiuolo e la laminazione lastra e filo.

Nei secoli le tecniche hanno avuto applicazioni sia nella produzione di gioielli e di sculture in oro, sia nell’oreficeria sacra, con la produzione di calici, croci, reliquiari e coprimessali.

L'arte orafa fiorentina è figlia della bottega rinascimentale: artisti di fama internazionale come Brunelleschi, Ghiberti, Donatello e Luca della Robbia, nascono come artigiani e si formano nelle botteghe di oreficeria, una delle attività più fiorenti nella Firenze medievale e rinascimentale.

Oro, Fonte originale: Camera di Commercio di Firenze
Mostra menoUlteriori informazioni

Le opere di questi artisti, che passavano dall’arte orafa alla scultura e all’architettura con estrema facilità, si concentravano principalmente su soggetti di arte sacra.

Nel 2012 nasce per questo a Firenze la prima e unica Scuola di Arte Sacra (Sacred Art School Firenze) del mondo, con l’intenzione di far rifiorire una produzione di arte sacra contemporanea e in sintonia con i secoli di produzione artigianale-artistica fiorentina.

La storia dell'arte orafa fiorentina si fa anche storia dell'economia: la Repubblica Fiorentina nella metà del Duecento inizia a battere una moneta d’oro: nasce così il fiorino d’oro, segno della sua potenza economica. E potente Firenze lo era davvero se si considera che, fatta eccezione per l'impero bizantino e per quello islamico, nessun altro aveva più coniato una propria moneta dopo la caduta dell'Impero Romano.

Oro, Fonte originale: Camera di Commercio di Firenze
Mostra menoUlteriori informazioni

La data della comparsa del fiorino è il 1252 e può segnare davvero uno spartiacque nella storia economica della città: il fiorino nel Medioevo infatti aveva la stessa importanza dell'odierno dollaro americano. 

Da questo periodo la lavorazione dell’oro prende una diffusione impensabile, dalla foglia d’oro nei dipinti e nelle cornici, alla preziosa realizzazione di tessuti serici con filati metallici in oro.

Cristo, Fonte originale: Camera di Commercio di Firenze
Mostra menoUlteriori informazioni

"Il Territorio"

Firenze è centro di produzione artigianale orafa fin dal Medioevo. Ancora oggi le vie strette e incantevoli della città del Rinascimento sorprendono per le botteghe ed i laboratori artigianali di produzione orafa artistica e raffinata, dall’inconfondibile maestria fiorentina. 

Nonostante i periodi di crisi gli artigiani sono ancora al lavoro in tanti piccoli laboratori, in cui si lavora a mano secondo le antiche tecniche fiorentine. 

Luogo simbolo dell’arte orafa fiorentina è il Ponte Vecchio: qui si fonde, si incide, si trafora e si cesella dal 1593, anno in cui Ferdinando I de’ Medici decreta il trasferimento delle botteghe di orafi, argentieri e gioiellieri.

Croci, Fonte originale: Camera di Commercio di Firenze
Mostra menoUlteriori informazioni

Fin dal Cinquecento gli orafi fiorentini si distinsero per tre diverse tipologie di produzione: la prima, sperimentale e fastosa, aperta alle influenze straniere e raffinatissima, venne portata avanti dalle botteghe granducali grazie alle continue commissioni della corte. La seconda, altrettanto raffinata, sperimentale e densa di significati, simboli e spiritualità era legata all’oreficeria sacra, commissionata dalla Chiesa Cattolica e dalla stessa corte granducale. 

Nei laboratori di Ponte Vecchio invece si sviluppò una produzione più tradizionale, rivolta a soddisfare un’utenza più comune e le esigenze della nascente borghesia.

Argento, Fonte originale: Camera di Commercio di Firenze
Mostra menoUlteriori informazioni
Riconoscimenti: storia

Curator—Camera di Commercio di Firenze

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Mostra altro
Tema correlato
Made in Italy
Scopri i tesori nascosti, le passioni e le tradizioni del Made in Italy. Lasciati stupire dalle informazioni più curiose relative ai tipici prodotti italiani. Esplora la mappa per iniziare il viaggio. Se sei un imprenditore, seguendo il link "Casi di successo <http://www.eccellenzeindigitale.it>"
Visualizza tema
App Google