Johannes Vermeer, vita e opere

Allegoria della Pittura (1666/1668) di Jan VermeerKunsthistorisches Museum Wien

Un pittore nel Secolo d'oro

Johannes Vermeer (1632-1675) è spesso considerato una delle "perle" tra i pittori olandesi del XVII secolo. Nacque a Delft, città della Repubblica delle Sette Province Unite dei Paesi Bassi. Questo periodo fu caratterizzato da una grande prosperità economica, motivo per cui è noto anche come Secolo d'oro. In tali condizioni favorevoli la pittura fiorì. L'Allegoria della pittura di Vermeer è uno dei dipinti più significativi della sua opera. In questa ode alla sua professione, incluse una mappa della prosperosa Repubblica.

Veduta di Delft (c. 1660 - 1661) di Vermeer, JohannesMauritshuis

Il Giovane Johannes
Il 31 ottobre 1632, Reynier Jansz (1591-1652 circa) e Digna Baltens (1595-1670 circa) battezzarono il loro figlio appena nato con il nome "Joannis" nella Nieuwe Kerk di Delft. Il nome del bambino era destinato a risuonare nel corso dei secoli, quando divenne un virtuoso della pittura: il "Maestro della luce". Poco meno di 30 anni dopo il suo battesimo, Johannes dipinse la Nieuwe Kerk nella sua opera, ormai famosa in tutto il mondo, Veduta di Delft.

A Young Woman standing at a Virginal A Young Woman standing at a Virginal (about 1670-2) di Johannes VermeerThe National Gallery, London

Il Johannes e Delft
Delft era un centro nevralgico per il commercio con l'Asia e l'America e aveva industrie fiorenti di terracotta e tessuti. Ispirate dalle porcellane cinesi che i mercanti riportavano dall'Asia, le fabbriche di Delft producevano terrecotte smaltate di bianco decorate con vernice blu, le famose "Ceramiche di Delft". Vermeer dipinse le maioliche di Delft in molte delle sue scene interne, come in questo caso nella stanza di Donna in piedi alla spinetta.

Stradina di Delft (Around 1658) di Johannes VermeerRijksmuseum

Una raccolta piccola ma splendida

Vermeer ha lasciato un numero di opere sorprendentemente ridotto: ci sono attualmente solo 36 dipinti conosciuti dell'artista. Produceva pochi dipinti e usava i materiali più costosi per la pittura.Questo suggerisce che serviva il segmento più alto del mercato dell'arte. Nel corso della sua vita, vendette molte delle sue opere a Pieter Claesz van Ruijven (1624-1674), un ricco collezionista d'arte. In un'asta di dipinti di proprietà di suo genero Jacob Dissius (1653-1695), furono vendute 21 opere. Tra queste ricordiamo la celebre Stradina di Delft, Ragazza col turbante e Merlettaia, ma anche diversi dipinti che oggi sono dispersi, come ad esempio una seconda Stradina di Delft.

Figlio di un tuttofare
Il padre di Johannes, Reynier Jansz, era un uomo molto versatile. Si guadagnò da vivere come tessitore di seta (caffa), ma fu anche un oste e un mercante d'arte registrato presso la Gilda di San Luca a Delft, l'associazione di categoria per i pittori. Svolgeva i suoi commerci da una locanda chiamata De Vliegende Vos (La volpe volante) sul Voldersgracht a Delft, vicino all'edificio che ospitava la gilda dei pittori. Nel 1641, lui e la sua famiglia si trasferirono a Huis Mechelen più giù lungo il canale. In questa nuova casa, gestì ancora una volta una locanda e un'attività di rivendita d'arte.

View of the Market (c. 1720) di J. RademakerMauritshuis

Sulle orme del padre
In seguito alla morte del padre, avvenuta nel 1652, il ventenne Johannes rilevò l'attività di mercante d'arte e la locanda. Un anno dopo, si registrò come "Maestro pittore" presso la Gilda di San Luca. È possibile che la storia di suo padre con la gilda abbia ispirato Johannes a diventare un pittore. Tuttavia, non possiamo essere sicuri quando e da chi Vermeer apprese la professione.

La locanda Mechelen, particolare di Veduta del mercato di J. Rademaker, 1720 circa. Delft, archivi cittadini

Woman Holding a Balance (c. 1664) di Johannes VermeerNational Gallery of Art, Washington DC

Un partito desiderabile
Il 20 aprile 1653, Johannes sposò una donna cattolica chiamata Catharina Bolnes (1631 circa - 1688). Catharina era la figlia più giovane di Maria Thins (1593-1680) e Reynier Bolnes (morto nel 1674), una coppia benestante. Johannes, che era protestante, si convertì al cattolicesimo prima del matrimonio, una scelta non comune all'epoca. Johannes e Catharina ebbero almeno 14 figli insieme, 11 dei quali sopravvissero al padre.

Cristo in casa di Marta e Maria (1654 — 1656) di Johannes VermeerNational Galleries Scotland: National

Un giovane professionista ambizioso

All'inizio della sua carriera, Vermeer produceva dipinti storici. Questi lavori rappresentavano storie bibliche o mitologiche o storie tratte dalla letteratura. A quel tempo, i dipinti storici erano considerati la più alta forma possibile di pittura. Dopo tutto, bisognava essere istruiti per comprendere e dipingere questi argomenti.

A Young Woman seated at a Virginal A Young Woman seated at a Virginal di Johannes VermeerThe National Gallery, London

I dipinti della suocera
I primi dipinti di Vermeer sono caratterizzati dal grande formato e dai forti contrasti tra luce e buio. Egli traeva ispirazione dai pittori di Utrecht, che a loro volta erano influenzati da maestri italiani come Caravaggio. Tre di questi dipinti sono citati tra gli effetti personali della suocera di Vermeer, Maria. Verso la fine della sua carriera, Vermeer incluse uno di questi lavori, Mezzana di Dirck van Baburen, sullo sfondo del suo Donna seduta alla spinetta. Sebbene a questo punto non applicasse più lo stile pittorico di Utrecht, la sua precedente fonte di ispirazione è letteralmente visibile in questo dipinto.

La Lattaia (Around 1660) di Johannes VermeerRijksmuseum

Scene di vita quotidiana
Dal 1656 in poi, Vermeer passò alla pittura di scene d'interni su scala ridotta. Questi cosiddetti dipinti di genere erano popolari, in quanto tali scene di vita quotidiana erano considerate delle vere e proprie decorazioni domestiche. In questo periodo, Vermeer applicava la pittura a strati spessi e aggiungeva piccole macchie sulla superficie dipinta per indicare il riflesso della luce.

Donna con brocca d'acqua (ca. 1662) di Johannes Vermeer (Olanda, Delft 1632–1675 Delft)The Metropolitan Museum of Art

Un nome affermato
Negli anni successivi, Vermeer si fece strada diventando da pittore alle prime armi a maestro illustre. Nel 1662 fu addirittura nominato capo della Gilda di San Luca. Nel corso degli anni, il suo stile pittorico si sviluppò molto. Iniziò ad applicare strati più sottili di pittura e a introdurre contorni più morbidi, leggeri e delicati alle sue opere.

Ragazza con l'Orecchino di Perla (c. 1665 (digitized by Madpixel)) di Johannes VermeerMauritshuis

Tronie
Oltre a paesaggi urbani, dipinti storici, allegorie e dipinti di genere, Vermeer dipinse anche diversi "tronie" (teste di personaggi). Questi dipinti non erano intesi come ritratti di persone specifiche, ma erano studi su certi "tipi" di persone. Il tronie più famoso di Vermeer è Ragazza col turbante. La ragazza nel dipinto indossa indumenti esotici, un turbante orientale e un orecchino di perla improbabilmente grande.

A Young Woman standing at a Virginal A Young Woman standing at a Virginal (about 1670-2) di Johannes VermeerThe National Gallery, London

I lavori successivi di Vermeer
I dipinti che Vermeer creò nell'ultimo periodo della sua carriera sono caratterizzati da pennellate più piatte, composizioni più stilizzate e contorni più nitidi. Vendere dipinti in questo periodo divenne sempre più difficile. La prosperità economica si era conclusa dopo che Francia, Inghilterra, Munster e Colonia avevano contemporaneamente dichiarato guerra alla Repubblica in quello che divenne noto come il "rampjaar" (anno del disastro) del 1672. L'attività di mercante d'arte di Vermeer non sopravvisse alla tempesta.

Veduta di Delft (c. 1660 - 1661) di Vermeer, JohannesMauritshuis

La fine dell'inizio
Nel 1675, all'età di soli 43 anni, Johannes Vermeer morì per cause sconosciute. Poco più di un decennio prima, aveva dipinto la Nieuwe Kerk, dove era stato battezzato, nella sua Veduta di Delft. In effetti, il dipinto mostra anche l'ultima dimora di Vermeer, l'Oude Kerk, dove fu sepolto nel 1675. Non sappiamo per certo se Johannes Vermeer abbia mai dipinto un autoritratto. Questo paesaggio urbano, che unisce il suo lavoro e la sua vita, potrebbe essere ciò che più si avvicina alla persona di Vermeer.

Riconoscimenti: storia

Questa mostra fa parte del Google Vermeer Project.

L'immagine gigapixel della Ragazza con l'orecchino di perla è stata digitalizzata da Madpixel e fa parte dell'app Second Canvas Mauritshuis

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Mostra altro
Tema correlato
Ti presento Vermeer
L'opera completa di Vermeer riunita: 36 dipinti provenienti da 18 musei in 7 diversi Paesi
Visualizza tema
App Google