2015

Museo "D'Annunzio Eroe"

Vittoriale degli Italiani

Il mio amore d’Italia, il mio culto delle memorie, la mia aspirazione all’eroismo, il mio presentimento della patria futura si è manifestato qui
(Gabriele d'Annunzio, Atto di donazione del Vittoriale)

Il Museo della Guerra di Gabriele d’Annunzio è stato realizzato per la prima parte nel giugno del 2000 e per la seconda nel luglio dell’anno successivo. L’idea del Museo nasce però lontano nel tempo: infatti Gabriele d’Annunzio nel commissionare all’architetto Giancarlo Maroni la realizzazione dello Schifamondo, aveva ben preciso nella sua mente il progetto di destinare il grande auditorio a sede del Museo della Guerra. In due lettere una inviata a Riccardo Gigante podestà di Fiume, e l’altra a Gian Carlo Maroni, d’Annunzio ebbe a scrivere che il museo non poteva “avere pareti rivestite di marmo ma di legno” e sicuramente la collocazione del museo nelle sale dello Schifamondo ha esaudito questo suo desiderio. Nell’allestimento del Museo non si sono, volutamente, adottate tecnologie espositive d’avanguardia ma si è realizzato un museo che rispecchiasse nel suo complesso l’atmosfera della Prioria e continuasse lo spirito e l’essenza della Casa così come d’Annunzio e Maroni l’avevano voluta e realizzata. Le grandi imprese che lo videro protagonista, il Volo su Vienna, la beffa di Buccari, l’impresa delle Bocche di Cattaro, i numerosissimi voli dimostrativi o di guerra che egli compì nei cieli delle città irredente della Venezia Giulia, dell’Istria e della Dalmazia, la grande epopea di Fiume, sono qui documentate da innumerevoli oggetti e documenti che ci testimoniano di un uomo che dedicò la sua esistenza all’Italia non solamente con la sua arte prodigiosa, ma anche con la sua vita, mettendola costantemente a repentaglio nei cieli, sul mare e sulla terra.

Museum D'Annunzio hero, Fotostudio Rapuzzi, 2007, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
Lo Scalone delle Bandiere con il gonfalone di Principe di Montenevoso
Museum D'Annunzio hero. Study, Giovanni Vanoglio, 2013, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
Lo studio al primo piano di Schifamondo
Museum D'Annunzio hero. Room of the Fireplace, Giovanni Vanoglio, 2013, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
La Sala del Camino con il doppio comando di aereo Caproni, dono di Filippo Tommaso Marinetti e degli aeropoeti futuristi a Gabriele d'Annunzio
Museum D'Annunzio hero, Fotostudio Rapuzzi, 2007, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
Le divise di d'Annunzio. Al centro uniforme da Ardito che d'Annunzio indossava a Fiume.
Museum D'Annunzio hero, Fotostudio Rapuzzi, 2007, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
Le divise di d'Annunzio. Al centro alta uniforme di Brigata Aerea.
Musem D'Annunzio hero, fotostudio Rapuzzi, 2007, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
Carta di bordo usata da Gabriele d'Annunzio durante il volo su Vienna.
Museum D'Annunzio hero. Venus Room, Giovanni Vanoglio, 2013, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
La Sala della Venere. Originariamente la statua della Venere , le colonne e i capitelli costituivano l'arredo della stiva della Regia Nave Puglia.
Museum D'Annunzio hero. Room of the Plaster Casts, Giovanni Vanoglio, 2013, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
La Sala dei Calchi
Gabriele d'Annunzio in Fiume, Archivi del Vittoriale, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
Gabriele d'Annunzio a Fiume
Museum D'Annunzio hero, Giovanni Vanoglio, 2012, From the collection of: Vittoriale degli Italiani
La Sala delle Pergamene dedicata a Luisa Baccara che seguì d'Annunzio nell'impresa di Fiume e che restò a lui vicina sino alla morte.
Credits: Story

Autori dei testi — Giordano Bruno Guerri e Antonio Benedetto Spada
Con la collaborazione di — Luciano Faverzani
Fotografie — Giovanni Vanoglio e Fotostudio Rapuzzi

Credits: All media
The story featured may in some cases have been created by an independent third party and may not represent the views of the institutions whose collections include the featured works or of Google Arts & Culture.
Google apps