Raffaele Pallavicini

Da Castello dei Burattini - Museo Giordano Ferrari

Volantino per lo spettacolo ''La Luna in tribunale'' di Raffaele PallaviciniCastello dei Burattini - Museo Giordano Ferrari

Raffaele Pallavicini (Genova 14/03/1874 – Novi Ligure 12/12/1957): figlio di una famiglia benestante cominciò a recitare come attore nell’ambito del teatro di prosa, quindi come marionettista nelle compagnie di Ugo Ponti, Giovanni Pavero e infine in quella di Luigi Ajmino, del quale sposò la figlia Clotilde (Spotorno 1874 – Novi Ligure 1968).

Clotilde era un’apprezzata attrice e marionettista e il matrimonio segnò la nascita della “Primaria Compagnia Marionettistica Raffaele Pallavicini”, che portò in giro i suoi spettacoli muovendosi tra il sud del Piemonte e la Liguria, arrivando anche a Nizza, mietendo un grande successo.

Omaggio a Raffaele Pallavicini (1914)Castello dei Burattini - Museo Giordano Ferrari

Raffaele, che tra le sue maschere principali aveva Gianduja e Facanapa, viene ricordato come creatore della maschera genovese “Baciccia”: in realtà questa esisteva già, visto che appare nelle locandine di Ugo Ponti, ma grazie a Raffaele essa si definì nel suo carattere, acquisendo una vasta popolarità.

Ne fa fede A Baciccia, una poesia in dialetto genovese stampata su un cartoncino il cui frontespizio recita: “Omaggio a Raffaele Pallavicini Direttore della Compagnia Marionettistica che agisce sulle scene del Politeama Garibaldi in Savona. In occasione della serata del 18 aprile 1914”.

Volantino per lo spettacolo ''Gran Cuore'' (1931) di Raffaele PallaviciniCastello dei Burattini - Museo Giordano Ferrari

Del repertorio della compagnia, che conta circa novanta produzioni, ricordiamo: Gran Cuore o Povertà e ricchezza con Baciccia ciabattino disperato che diventa milionario;
La donna lombarda ed il soldato piemontese con Gianduia veterano invalido;
Baciccia guardiano di dame e confuso fra le stesse;
Sansone e le sue prodigiose forze con Baciccia custode della torre di forza – Faccanapa lottatore contro Sansone;

La notte di S. Silvestro o un Ballo in maschera con Baciccia principe al ballo dell’Ambasciatore;
Pietro delle Chiavi ossia La bella Maghelona con Baciccia servo fedele;
Amleto principe di Danimarca con Gianduia becchino, tragedia in 6 atti ridotta dal Dr. Enrico Tettoni;
Cristoforo Colombo alla scoperta del Nuovo Mondo con Baciccia marinaio e Faccanapa paggio.
Tutti gli spettacoli avevano un accompagnamento musicale.

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
Mostra altro
Tema correlato
Parma 2020+21
Scopri le eccellenze della Capitale Italiana della Cultura
Visualizza tema
App Google