Una breve storia del cibo nell'arte europea

From the Romans' terrible table manners to flirtatious fruit

Di Google Arts & Culture

Storia di Maude Bass-Krueger

Still life with appled and green glass (1906) di Paula Modersohn-BeckerBöttcherstraße Museums

Il cibo è essenziale per la nostra sopravvivenza. È anche uno dei grandi piaceri della vita. Non sorprende quindi che frutta, verdura, carne e bevande siano stati soggetti comuni nella pittura e nella scultura dall'epoca romana fino a oggi. Ma le nature morte di alimenti nascondono molto di più di quanto sembri. Partecipa con noi a un tour attraverso la storia dell'arte per scoprire il significato di questi banchetti...

Fresco Depicting a Woman (Maenad?) Holding a Dish; Peacock and Fruit Below (A.D. 1–79) di UnknownThe J. Paul Getty Museum

1. Cenare al fresco

Non solo i romani amavano mangiare e banchettare, ma attribuivano anche frutta, noci e cereali ai loro dei e dee. Le uve erano per Bacco, dio del vino, e simboleggiavano baldoria e una felice vita nell'aldilà; il frumento era per Cerere, dea del grano, che incarnava virtù e vizio. Dopo i banchetti il cibo veniva "abbandonato" sul pavimento, un'abitudine così diffusa da diventare un motivo ricorrente nei mosaici romani, mentre i pittori di affreschi dipingevano cibo, bevande, animali e stoviglie in scene devozionali e profane. La pittura attenta e realistica del cibo era un modo per i pittori di mostrare la loro abilità artistica. Questa sarebbe rimasta una caratteristica costante nei dipinti di natura morta in tutta la storia dell'arte occidentale.

The Feast of Dives (about 1510–1520) di Master of James IV of ScotlandThe J. Paul Getty Museum

2. I golosi all'inferno

La preparazione e il consumo di cibo fanno parte della vita. Non sorprende quindi l'abbondanza di tali immagini nei manoscritti medievali. Queste immagini offrono scorci sulle culture del cibo del passato: possono dirci i tipi di alimenti consumati dalle diverse classi sociali, come erano preparati e come venivano serviti e mangiati (con forchette o con le dita, ad esempio). Verso la fine del Medioevo, la tavola aristocratica era ricca di cibi raffinati. Qui, una famiglia riccamente abbigliata gusta un uccello selvatico, presentato con le sue piume su un piatto d'argento. (Altra argenteria è disposta sulla credenza).

Questa golosità ha una morale. Il rifiuto di nutrire un mendicante (che appare sul lato sinistro del manoscritto) manda il ricco direttamente all'inferno (immagine in basso) mentre il povero sale in paradiso.

The Last Supper (Undated) di Marten de VosThe National Museum of Western Art, Tokyo

3. La cena più famosa di tutte

L'Ultima Cena è probabilmente il pasto più rappresentato in tutta la storia dell'arte. Sebbene il baricentro compositivo rimanga il tradimento di Gesù da parte di Giuda, nelle raffigurazioni della cena fatale sono sempre presenti i simbolici pane e vino. Alcuni teologi ritengono che la cena sia avvenuta durante la Pasqua ebraica, nel qual caso sulla tavola di Gesù potevano essere disposti altri alimenti, come fagioli stufati, olive, datteri, frutta e noci. Gesù è stato l'originale sostenitore della dieta mediterranea?!

Rudolf II of Habsburg as Vertumnus (1590) di Giuseppe ArcimboldoSkokloster Castle

4. Faccia di frutta

I famosi dipinti di frutta di Arcimboldo restano ancora un bel mistero. Non si sa molto del pittore italiano, a parte il fatto che si recò alla corte asburgica nel 1562 e in seguito servì come pittore di corte tre imperatori, Ferdinando I, Massimiliano II e Rodolfo II. Né sappiamo perché abbia iniziato a dipingere i suoi ritratti distintivi degli imperatori con facce composte di frutta. Ma questi dipinti sono sicuramente allegorie imperiali: qui, Rodolfo II è assimilato a Vertumno, il dio romano delle stagioni e della crescita. La meravigliosa varietà di frutta e verdura mostra che era tornata un'epoca di abbondanza!

Market Scene (1569) di Pieter AertsenHallwyl Museum

5. Frutta sexy (prima dell'emoji della melanzana)

I dipinti di frutta non riguardavano sempre la religione, la virtù e l'abbondanza. A volte erano decisamente erotici! Qui, una donna si china per tagliare un cavolo (un simbolo della sessualità femminile), guardando in modo allusivo lo spettatore. L'uomo tiene in mano una grossa carota mentre indica un cetriolo eretto annidato tra due pomodori. Tutto molto esplicito.

A Pronk Still Life with Fruit, Oysters, and Lobsters (first half of the 1640s) di Andries BenedettiMuseum of Fine Arts, Budapest

6. Il cibo dei ricchi e famosi

Gli olandesi e i fiamminghi erano maestri del genere di pittura barocca di nature morte. Questi dipinti avevano lo scopo di mostrare la maestria tecnica di un artista nel raffigurare abbondanti e sontuose esposizioni di ricchezza commestibile. Qui, un'enorme aragosta è annidata tra preziose uve; agrumi esotici sono disposti su lussuosi tessuti di velluto e damasco; succulenti ostriche e gamberetti sottilissimi occupano il lato sinistro del dipinto. Non c'è dubbio che sia un festino adatto a un re (o a un ricco mercante olandese)!

La Lattaia (Around 1660) di Johannes VermeerRijksmuseum

7. Colori ricchi, cibi comuni

Vermeer prese una strada diversa rispetto ai suoi contemporanei olandesi: usava pigmenti costosi, colori intensi e un'illuminazione eccezionale per dipingere i cibi più comuni: latte e pane. In una svolta del destino artistico, questa scena semplice è diventata più iconica dei sontuosi festini dei suoi colleghi pittori. Ingrandisci per vedere i puntini di vernice di Vermeer dipinti sui panini per suggerire il riflesso della luce.

Enjoying Coffee (First half of the 18th Century) di French SchoolPera Museum

8. Arte del caffè

Gli europei hanno scoperto spezie e bevande esotiche come caffè, cioccolata e tè grazie alle reti del commercio globale del XVII e XVIII secolo. Questo dipinto di una donna ottomana che beve caffè fu dipinto nella prima metà del 18° secolo da un artista francese che ha copiato le immagini da un libro del 17° secolo di un viaggiatore olandese.

Questo genere di pittura, chiamato Turquerie, mostrava il fascino che tutti gli aspetti della cultura turca esercitavano sull'Occidente. Credi che gli hipster oggi siano snob riguardo ai caffè? Nel 17° e 18° secolo erano il centro della vita pubblica!

Still Life with Apples (1893–1894) di Paul CézanneThe J. Paul Getty Museum

9. Mangiare con Cezanne

Le scene domestiche su piccola scala di nature morte erano considerate un argomento assai poco interessante dall'Accademia Reale di Francia del 19° secolo, ma Cezanne ha dimostrato che questo genere modesto poteva anticipare idee nella pittura moderna. Cezanne dipinse tutta una serie di nature morte di frutta durante gli anni Settanta del XIX secolo. Questi dipinti rappresentano un punto culminante della sua carriera e un'evoluzione nel suo stile pittorico dai dipinti di rappresentazioni ricchi di luce degli impressionisti ai toni più smorzati, alle forme astratte e alle prospettive distorte dei modernisti e dei cubisti. Qui, i bordi della ciotola di frutta sono difficili da definire e la prospettiva è tutta distorta: il lato destro dell'angolo si inclina in avanti mentre il vetro si inclina verso sinistra.

Still Life with Apples (1895 - 1898) di Paul CézanneMoMA The Museum of Modern Art

I dipinti di cibo spesso rivelano qualcos'altro: a volte sono allegorie per certe virtù o valori, altre volte sottolineano l'erotismo, l'esotismo o la ricchezza. Pittori modernisti come Cezanne hanno usato il genere della natura morta per anticipare idee sulla possibile evoluzione dell'arte moderna.

Forse tutte quelle immagini di cibo su Instagram vogliono spingersi oltre i prossimi confini del significato che ha per noi oggi il cibo?

Ringraziamenti: tutti i partner multimediali
In alcuni casi, la storia potrebbe essere stata realizzata da una terza parte indipendente; pertanto, potrebbe non sempre rappresentare la politica delle istituzioni (elencate di seguito) che hanno fornito i contenuti.
App Google