Trame preziose

Gli arazzi del Museo della Cattedrale di Ferrara

Museo della Cattedrale di Ferrara

Saint Maurelius (1551) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Il Ciclo

Gli otto splendidi arazzi con le "Storie di San Maurelio" e le "Storie di San Giorgio" si impongono per le monumentali dimensioni e per l'importanza liturgica e religiosa. Commissionati dal Capitolo Metropolitano all'arazzeria estense, presente in città sin dal 1536 per volere di Ercole II, questi sono l'unica serie di panni prodotti nella Ferrara rinascimentale, ad esserci pervenuta integralmente.

The miracle of the Mass (1551 - 1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Committenza

La commissione nasceva con l'obiettivo di addobbare la chiesa durante le solenni festività patronali. In queste occasioni infatti, gli otto panni, raffiguranti episodi significativi della vita dei due santi patroni di Ferrara, venivano esposti appesi tra le colonne della navata centrale.

Saint Maurelius (1551) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Il contratto per la commissione fu stipulato il 15 ottobre 1550. Il lavoro prese corpo di lì a poco, come si evince dalla data del 1551 che compare nel margine sinistro inferiore del "San Maurelio che incorona il fratello".

Saint George suffers the torment of the wheel and the molten lead (1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Come testimoniato da una targhetta adagiata tra i sassi del terreno ne il "San Giorgio subisce il supplizio della ruota e del piombo fuso", l'opera fu compiuta nel 1553.

Saint George and the dragon (1551) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

La narrazione pacata e rassicurante, l'assenza di vera drammaticità e l'estrema chiarezza iconografica sono funzionali alla pratica devozionale: ne risulta un'immagine suggestiva ed emotivamente coinvolgente, capace di genera nel fedele un sentimento di empatia.

Gli autori

La realizzazzione dei paramenti sacri fu affidata all'arazziere fiammingo Johannes (o Giovanni) Karcher, chiamato a lavorare presso la corte estense assieme al fratello Nicholas. Questi fu incaricato di eseguire la tessitura sulla base dei cartoni preparatori ideati dai pittori Benvenuto Tisi detto Garofalo e Camillo Filippi per le storie figurate, e da Luca di Fiandra per le bordure decorative. I documenti non chiariscono come i due pittori si siano divisi il lavoro, ma la critica appare concorde nell'assegnare integralmente a Filippi l'ideazione del "Storie di San Giorgio" e a Garofalo quella delle "Storie di San Maurelio".

The people and the clergy of Ferrara welcome Saint Maurelio bishop (1551 - 1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Fa eccezione l'episodio raffigurante "Il popolo e il clero di Ferrara che accolgono San Maurelio", che presenta forti analogie con le scene approntate da Camillo Filippi.

Saint Maurelius (1551) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Episodi della vita di San Maurelio

La cui esecuzione, secondo la critica, è modellata sui disegni preparatori di Camillo Filippi.

Assiso in trono, Maurelio, sovrano di Edessa in Mesopotamia, rinuncia al regno e abdica in favore del fratello Ippolito, inginocchiato nell'atto di ricevere la corona. Sullo sfondo, al di là di un'apertura ad arco, si staglia una grandiosa basilica: la scena allude alla sottomissione di Maurelio al vescovo e alla sua rinuncia a tutti i domini terreni.

The people and the clergy of Ferrara welcome Saint Maurelio bishop (1551 - 1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Maurelio, nominato vescovo di Ferrara, prende possesso della nuova sede episcopale (San Giorgio fuori le Mura), circondato dal clero e dalle autorità civili. Sullo sfondo il ponte di legno sul fiume, percorso dai cittadini in festa, allude alla distanza dal centro animato e dalla Cattedrale non ancora terminata.

The miracle of the Mass (1551 - 1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Durante la prima messa celebrata in Cattedrale, al santo appare la mano benedicente di Dio che rivela a Maurelio le grazie di cui sarà colmato. Sullo fondo, ricompresi entro una prospettiva architettonica, due episodi della vita del Santo.

Decapitation of Saint Maurelius (1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

La scena coglie l'istante immediatamente successivo alla decapitazione del santo, con il boia ripreso nell'atto di rinfoderare la spada sotto lo sguardo attonito degli anziani del regno.

Nella piazza monumentale accorrono i cittadini che chiedono notizie del santo; ad essi il malvagio Rivallo, mandante dell'esecuzione, risponde di non sapere nulla e come punizione divina viene afferrato dai demoni.

Saint George and the dragon (1551) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Episodi della vita di San Giorgio

La cui esecuzione, secondo la critica, è modellata sui disegni preparatori di Benvenuto Tisi, detto Garofalo.

In un'atmosfera quasi fiabesca il santo guerriero, armato di lancia, colpisce il malefico drago salvando la principessa che, con l'agnello al fianco, avrebbe dovuto essere sacrificata per placare la furia del mostro. Dalla città turrita gli astanti assistono trepidanti alla lotta tra bene e male, tra cristianesimo e paganesimo.

Degna di nota è la vittoria del santo che, dopo la battaglia, conduce al guinzaglio il drago come fosse un mansueto cagnolino.

Saint George suffers the torment of the tree (1552) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Il santo, lasciato l'abito militare, si unisce ai cristiani nella predicazione subendo le persecuzioni in prima persona. Nella scena si coglie drammaticamente l'efferatezza delle torture: il santo legato a un albero è dilaniato con uncini e torce.

Saint George suffers the torment of the wheel and the molten lead (1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Al centro della scena, il santo in preghiera è adagiato sui rottami del suo supplizio (una ruota con spade acuminate) che si è sfaldato lasciandolo miracolosamente illeso, tra lo stupore dei presenti.

Sullo sfondo l'affaccendarsi degli sgherri dell'imperatore, intenti a preparare una caldaia ricolma di piombo fuso, secondo supplizio a cui il santo è destinato.

Decapitation of St. George (1552) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Il boia, già con lo spadone alzato sopra la testa di san Giorgio, sta per eseguire la condanna finale della decapitazione.

Decapitation of Saint Maurelius (1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Le bordure

Le storie sono incorniciate da ricche bordure che riprendono motivi tipici del repertorio decorativo miniaturistico di metà Cinquecento: festoni di frutta legati da nastri svolazzanti, putti alati, animali simbolici, creature fantastiche con sembianze antropomorfe e medaglioni monocromi in cui si vedono episodi minori della vita dei due santi.

Saint George suffers the torment of the wheel and the molten lead (1553) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Agnello che reca il vessillo crociato, simbolo del Capitolo Metropolitano, illustre committente del ciclo.

Saint George suffers the torment of the tree (1552) by Johannes o Giovanni KarcherMuseo della Cattedrale di Ferrara

Al bordo inferiore grandi cartigli si aprono per descrivere gli avvenimenti narrati in ogni singolo arazzo.

Credits: Story

Percorso a cura di Tatiana De Bartolo e Maria Chiara Mosele.

Ha collaborato Romeo Pio Cristofori.

Per approfondimenti si rimanda a "Museo della Cattedrale di Ferrara. Catalogo generale", a cura di Bernice Giovannucci Vigi e Giovanni Sassu, Edisai Edizioni, Ferrara 2010.

Credits: All media
The story featured may in some cases have been created by an independent third party and may not always represent the views of the institutions, listed below, who have supplied the content.
Google apps